Il fascino del mondo dei gatti

Il fascino del mondo dei gatti
Pubblicato da: Ufficio Stampa Commenti: 0

Il fascino del mondo dei gatti

“Se non hai mai avuto un gatto, non potrai mai comprendere appieno l’esperienza di averne uno.” Questa è la frase che ogni amante dei gatti rivolge a coloro che non li conoscono, e possiede una verità sorprendente.

Un gatto è un essere unico, diverso da un cane, un criceto o un coniglio. È semplicemente un gatto.

E in molti modi, è straordinariamente simile a un essere umano. È diffidente, sensibile e cerca il contatto solo quando lo desidera. Vuole coccole, ma non sempre lo dimostra.

Ha bisogno di cibo, di acqua e si lamenta quando qualcosa non va. È curioso, eppure a volte è maldestro.

Può sembrare che non impari mai nulla, ma poi ti sorprende aprendo porte, esplorando scaffali o addirittura facendo i suoi bisogni nel water.

Dicevamo che se non hai mai avuto un gatto, non potrai mai capire cosa significa averne uno, giusto?

Spiegare appieno l’esperienza di avere un gatto in casa è estremamente difficile.

Innanzitutto, significa non poter andare in bagno da solo. Un gatto che ci ama ci segue come un’ombra o ci controlla attentamente. Non ci perde mai di vista. Se facciamo la doccia e il gatto ha una relazione complicata con l’acqua, miagolerà incessantemente finché non usciamo. Se facciamo i bisogni, vorrà stare con noi.

Significa anche non poter chiudere le porte. Il gatto impazzisce se trova una porta chiusa, è più forte di lui.

La porta DEVE rimanere aperta! Deve sapere cosa c’è dall’altra parte!

Soprattutto se siamo noi. Ecco, forse la differenza più grande tra i gatti e altri animali, come i cani, è che il gatto richiede molta pazienza e fiducia per instaurare un legame affettivo con noi, ma una volta che lo fa, non c’è più via di ritorno. Diventa appiccicoso e, soprattutto, diventiamo il suo cuscino insostituibile.

Ma non dimentichiamoci che guadagnarsi il rapporto con un gatto richiede impegno.

Ma se ci pensiamo bene, in fondo, i gatti sono proprio come noi, no?

Si fidano a poco a poco, pretendono prove del nostro amore per loro e alla fine si concedono completamente a noi, seguendoci, leccandoci, dormendoci addosso o persino sul nostro viso.

Oppure si accoccolano accanto a noi, cercando con le zampe la nostra mano o il nostro braccio.

E poi sono buffi e al contempo orgogliosi.

Se fanno qualcosa di davvero stupido, subito dopo fanno finta di fare le pulizie.

Se mettete una scatola vuota a disposizione, loro devono entrarci, anche se non si capisce bene perché.

Gli comprate un tiragraffi?

E loro preferiscono comunque il divano, dopotutto è più grande e colorato, no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *